Sugli esercizi e le tecniche nella Via…

Sugli esercizi e le tecniche nella Via…

Per tutte le persone che chiedono conoscenza, esercizi e tecniche…

Innanzitutto, è molto importante, come prima cosa, il riuscire a creare una connessione dal vivo, una connessione energetica da cuore a cuore – iniziazione – e poi, come seconda cosa da sottolineare, è importante considerare che, sia la conoscenza dell’uomo che le leggi dello Spirito sono strettamente legate ad una Via ed alle sue tecniche e metodologie, quindi, non si può prendere un pezzettino soltanto…questo creerebbe un aumento della confusione e della frammentazione interiore, conflitto fra le energie vecchie e quelle nuove. 

Meglio non fare niente che fare poco e male lavorando a casaccio.

Gli esercizi che appartengono ad una Via si possono dare soltanto dal vivo, personalmente, perché vanno prima mostrati, poi sperimentati assieme, ed infine corretti nei dettagli, e questo, tutto dal vivo, affinché si facciano in modalità cosciente e non in automatico tanto per farli, cosa che non produrrebbe nessun tipo di risultato. 

Ogni esercizio deve essere anche accompagnato da istruzioni precise che riguardano l’atteggiamento e lo stato di coscienza corretto che richiede l’esecuzione di tale esercizio, e questo richiede che si conosca le persone a cui si consigliano gli esercizi. 

Se io sono un istruttore di guida, per capire come guidi la tua macchina e per verficare se stai faccendo tutto correttamente, devo per forza di cose salire in macchina con te.

Ogni tecnica ed esercizio non ha nessun valore se preso da solo, ha senso solo se inserito all’interno di un processo secondo un certo ordine.

Nel lavoro interiore e spirituale serve una conoscenza molto profonda dell’uomo, delle leggi e delle energie che lo governano; non si scherza con la psiche che è molto fragile nell‘uomo moderno, si potrebbero creare anche dei danni irreparabili…questione che non ci riguarda se facciamo delle semplici tecniche di rilassamento o dei semplici movimenti e respirazioni, purché, anche qui, non si spinga troppo dove non si dovrebbe.

Inoltre, chi insegna deve conoscere bene anche tutti i problemi che potrebbero insorgere durante l’esecuzione degli esercizi ed essere in grado di apportare le correzioni necessarie; ed uno deve avere la competenza per saper intervenire in caso di malessere psicofisico.

In sintesi…
Serve conoscere molto bene il “lavoro giusto” ed anche il “lavoro sbagliato” e le sue conseguenze sulla psiche.

Lavorare su se stessi e seguire una Via di crescita non è un gioco o un passatempo.

Bisogna scegliere se seguire una speciale tipo di auto-disciplina di Scuola o meno…gli esercizi e le tecniche non sono dei giochini, muovono delle energie all’interno della nostra psiche, producono delle modificazioni.

Roberto Potocniak

Leave a Reply

Your email address will not be published.