Riflessioni nella Via…

Riflessioni nella Via…

La tendenza a credere che ogni nostro cambiamento debba essere accompagnato da squilli di tromba ed effetti speciali, la dice lunga sulle nostre reali motivazioni ed intenzioni.Per molti anni non accade proprio nulla; ed è qui che si screma naturalmente, tutti coloro che praticano per i motivi sbagliati, spesso usando la Via come un parcheggio, perché non hanno pazienza, vogliono tutto e subito come al supermarket della spiritualità e della guarigione.Il mercatino degli ossessi…Non sanno che cos’è una Via, e dunque, accolgono solo le informazioni sbagliate, quelle che li gratificano maggiormente.Molti nelle religioni e nelle vie spirituali cercano semplicemente consolazione,...

Read More
Oltre la Quarta Via…

Oltre la Quarta Via…

Per una crescita immaginaria o reale… Per quale motivo non si insegnano le equazioni di secondo grado con due incognite in prima elementare? Per quale motivo che uno studente di medicina del primo anno non può operare un appendicite? E per quale motivo uno (nella Via) non può cominciare da dove gli pare? Qualcuno potrebbe obbiettare che non è giusto, che non è democratico, o che qui si stia facendo della discriminazione. Ecco, lo stesso vale (come riflessione) anche per quanto riguarda certe conoscenze tecniche, e certe pratiche interiori e spirituali che andrebbero assimilate per gradi, e questo dipende dal...

Read More
Il Metodo: la Meditazione Attiva

Il Metodo: la Meditazione Attiva

“Meditazione Attiva” non è concentrazione, anche se la concentrazione migliora notevolmente praticando. “Meditazione Attiva” non è contemplazione, anche se migliora la nostra capacità di “vedere” chiaramente una situazione e di fare collegamenti veloci per aumentare il nostro livello di comprensione. “Meditazione Attiva” non è sedersi a gambe incrociate e recitare qualche mantra per ottenere un rilassamento. “Meditazione Attiva” non è, e non ha nulla a che vedere con la Religione, la Psicologia, la Medicina, la Psichiatria, pur aumentando il senso generale di benessere psicofisico e resistenza allo stress. “Meditazione Attiva” non è un sistema di cura: è adatta solo a persone...

Read More
La Scuola…

La Scuola…

Il Centro Studi Umanistici è una Scuola per lo sviluppo della consapevolezza e della coscienza di sé che si ispira ai metodi, agli insegnamenti, e al lavoro delle “Antiche Scuole di Saggezza”, sia Orientali che Occidentali. E’ una Scuola pratica, esperienziale, aperta a tutte le persone desiderose di mettere in pratica la Conoscenza. Il Centro Studi Umanistici è stato creato per le esigenze dell’Uomo moderno che desidera conoscere profondamente se stesso ed ampliare i propri orizzonti culturali, esperienziali e creativi. La Scuola propone una Via di “evoluzione interiore”, un percorso etico, verso una coscienza di sé, come uomini e donne in...

Read More
L’assenza da se stessi e la frammentazione interiore genera proiezioni…

L’assenza da se stessi e la frammentazione interiore genera proiezioni…

Il nostro sistema psichico (non risvegliato) funziona come un proiettore che attribuisce valori immaginari alle cose, alle persone e alle situazioni, e poi reagisce meccanicamente alle cose, alle persone e alle situazioni in base a questi valori proiettati.  – Incontri una persona che corrisponde a certe tue immagini interiori positive, ed ecco che parte il proiettore che gli attribuisce tutta una serie di qualità positive inesistenti, qualità che vedi solo tu, perché in questo modo tu ti ci attaccherai più facilmente a questa persona. – Incontri una persona che corrisponde a certe tue immagini interiori negative, ed ecco che parte...

Read More
Circostanze, strumenti, responsabilità e capacità…

Circostanze, strumenti, responsabilità e capacità…

Un’analogia…La situazione: una stanza vuota, dei pennelli, dei colori.1. Una persona sporcherà ed imbratterà ogni cosa: le pareti, se stesso e il pavimento.2. Un altra persona tinteggerà le pareti uniformemente senza sporcare troppo se stesso e il pavimento.3. Un altra persona ancora dipingerà un bellissimo affresco sulle pareti.Nella vita quindi, a parità di situazione e di strumenti a disposizione, ognuno si relazionerà meglio o peggio, non tanto secondo la situazione che egli si trova a dover affrontare, ma secondo il proprio sviluppo interiore, livello d’Essere.In sostanza, come analogia:Uno peggiorerà la situazione.Un altro la rendera più armonica.Un altro la migliorerà rispetto...

Read More
Riflessioni…

Riflessioni…

Inferno personale: vivere in assenza di amore in se stessi, separati dagli altri (e dall’esistenza) da una specie di guaina isolante costituita da immaginazione, chiamata ego, che genera solitamente un forte senso di auto importanza. L’auto importanza può prendere svariate forme: Per esempio: credere di sapere più degli altri, credere di capire più degli altri, credere di essere sempre nel giusto, sentirsi superiori agli altri, percepire le altre persone come inferiori, presentare delle semplici opinioni come fossero dei fatti. E poi c’è l’altro lato della medaglia: parlare male di se stessi davanti agli altri, presentarsi agli altri come delle persone...

Read More
Domande e risposte…

Domande e risposte…

Domanda: “Mi potrebbe spiegare cosa intende per crescita, per processo di crescita?”. Risposta: “Nessuna risposta teorica sarà sufficiente ad illuminarla, per il semplice motivo che la comprensione, quella con la “C” maiuscola, la si ottiene penetrando un sistema di insegnamento pratico, non parlandone teoricamente. Se lei non ha mai assaggiato lo zucchero, nessuna spiegazione le farà sperimentare il sapore dolce dello zucchero. Comprendere, può avvenire, solo sperimentando e partecipando a qualcosa, invece di porsi domande a riguardo. Se lei rimane sulla porta ad origliare altri che stanno praticando degli esercizi interiori, lei vedrà solo delle persone sedute in una certa...

Read More
La perdita dell’Essenza…

La perdita dell’Essenza…

Se torni indietro con la memoria, forse riuscirai a ricordare quando, da piccolo, hai iniziato a tradire te stesso per soddisfare le aspettative dei tuoi genitori, o più semplicemente, ricorda quando e come hai iniziato a modificare te stesso per far sì che ti accettassero, per non avere troppi problemi; quando hai rinunciato a te stesso, alla tua Essenza. Se torni indietro con la memoria, forse ricorderai, come adulto, dove hai lasciato il tuo cuore; quando, come e perché hai smesso di amare. La perdita del proprio Essere, il vivere disconnessi dal proprio Essere, questo crea la necessità dell’altro, il bisogno...

Read More