La digestione grossolana e quella più sottile…

La digestione grossolana e quella più sottile…

Il cibo non digerito produce tossine, tossine che, se non vengono eliminate, ristagneranno negli organi, nelle vene, nel linfatico, nel sangue, e nei tessuti.

Le esperienze non digerite producono sofferenza, ovvero, tossine psichiche, sofferenza e tossine psichiche che ristagneranno nei centri, nei canali energetici e psichici, e questo disturberà la mente, le emozioni, le funzioni sottili, l’energia vitale, ed in fine, anche il corpo.

Un sistema psichico interiore – carico di veleni – non potrà svilupparsi correttamente se prima non viene liberato, purificato e rimesso in condizione di poter funzionare al meglio.

Prima di tutto c’è la fase della guarigione interiore ed energetica, la liberazione delle tossine psichiche grossolane e sottili; poi tocca alla fase del Lavoro interiore, conoscere e padroneggiare la macchina, le sue energie e le sue funzioni, e lo sviluppo dellla Coscienza; ed in fine, il Lavoro Spirituale, i Centri Superiori, lo sviluppo della consapevolezza, amore, compassione, creatività, la libertà dalle condizioni inferiori d’esistenza, samsara – karma – inconsapevolezza – meccanicità, ed il mettersi al servizio dell’Esistenza…il tutto in questo esatto ordine. 

N.B. Non esiste lavoro interiore e spirituale che non passa prima per una lunga fase di purificazione, liberazione, rimessaggio ed armonizzazione.
Non si va da nessuna parte con una “macchina” sporca e guasta…ma questo accade spesso invece nelle Vie degenerate che accontentano il pubblico.
Nessuna Via reale ti darà mai ciò che chiedi, se non corrisponde a ciò che ti serve per dove ti trovi.

Il mondo interiore e spirituale richiede una Conoscenza Oggettiva e dei Metodi Oggettivi che esistono già da millenni…non richiede la nostra opinione, ma i nostri sforzi coscienti.

Roberto Potocniak

Leave a Reply

Your email address will not be published.