Comprendere le parole dei maestri…Osho, Gurdjeff, Nisargadatta, Trungpa, ecc.

Comprendere le parole dei maestri…Osho, Gurdjeff, Nisargadatta, Trungpa, ecc.

Riflessione personale…
Non possiamo pretendere di capire le parole dei maestri che si esprimono attraverso il loro stato (non duale) di percezione delle cose, vedi l’uomo N. 5-6-7 di Gurdjieff ad esempio, dal nostro usuale stato duale altamente condizionato. 
Serve prima cambiare stato di coscienza. 
Potremo capire forse il senso letterale, ma non il significato profondo di ciò che stanno cercando di esprimere, ciò che cercano di trasmetterci, perché alla nostra mente sembrerà tutto molto assurdo ed incoerente. 
Bisogna capire che, anche il non dualismo ha una sua logica ed una sua coerenza…come lo hanno tutti gli stati sottili dell’essere che esprimono leggi esistenziali diverse rispetto al piano di coscienza nel quale esistiamo abitualmente.
Molti maestri ed insegnanti devono scendere a dei forti compromessi con la realtà oggettiva per riuscire a raggiungerci attraverso la parola, ma anche noi dovremo cercare di elevarci un pochino, e trovarci a metà strada, perché c’è il rischio che, a forza di annacquare il Vino, non ci resterà altro che l’acqua, acqua che ad un certo punto noi prenderemo per Vino.

Roberto Potocniak

Leave a Reply

Your email address will not be published.